[Roma e i suoi nemici] Conducente di elefanti

69-ElefantiNumero 69 della collana “Roma e i suoi nemici” targata Vadis e Osprey, che nel 2011 porta in edicola questo Conducente di elefanti.
Roma_e_i_suoi_nemici1Il curatore William Shepherd attinge agli archivi della Osprey Publishing Ltd., di cui era direttore prima della nascita di questa collana, e presenta dei testi tratti dal saggio “War Elephants” (New Vanguard n. 150) di Konstantin Nossov edito nel 2008 dalla Osprey (e in versione digitale nel 2012).

Il figurino è estrapolato e reinterpretato da un’illustrazione di Peter Dennis.

War_ElephantsEcco l’incipit del fascicolo di 12 pagine, con la consueta traduzione di Piergiorgio Molinari:

Nel 332 a.C., la Persia e Babilonia caddero sotto l’attacco degli eserciti di Alessandro il Grande. All’indomani della sua prematura morte nel 323 a.C. all’età di 32 anni, l’effimero impero di Alessandro fu spartito tra i suoi generali. Babilonia finì sotto il controllo dei suoi successori, prima Tolomeo e poi Seleuco (358-281 a.C. circa).
Seleuco, che da Alessandro aveva ricevuto una moglie persiana, si stabilì a Babilonia nel 312 a.C., data generalmente riconosciuta come momento di fondazione dell’impero ellenistico seleucide. Nel 301 Seleuco assunse il controllo dell’Anatolia orientale e della Siria settentrionale, fondando una nuova capitale ad Antiochia, e una capitale alternativa a Seleucia sul Tigri, a nord di Babilonia, mentre il suo rivale, il generale Tolomeo, si impadroniva dell’Egitto.

L.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...